Santa Messa dell’Immacolata al Duomo di Napoli

12274351 1224739347541219 8054994674731127198 N

Il prossimo 8 dicembre, la Corale Polifonica Città di Anzio solenizzerà la Santa Messa dell’Immacolata presso il Duomo di Napoli.

Il Duomo di Napoli: alcune informazioni storiche

Le più antiche fonti agiografiche, non anteriori al IX secolo, attribui­scono la fondazione della Chiesa di Napoli a San Pietro. Egli, provenen­do da Antiochia e diretto a Roma, si sarebbe fermato a Napoli e vi avrebbe battezzato e consacrato il primo Vescovo Aspreno o Asprenate. La presenza di una comunità cristiana, nel II secolo, è attestata con cer­tezza dalle testimonianze archeologiche del complesso catacombale di Capodimonte. Che la Chiesa di Napoli, poi, fosse già fiorente al IV secolo lo lascia intendere il Liber Pontificalis romano,in cui si legge che l’imperatore Costantino, sotto il pontificato di Papa Silvestro (314-335), fece costruire a Napoli una basilica, alla quale offrì preziosi donativi.

La serie dei Vescovi di Napoli viene solitamente divisa in quattro pe­riodi: il primo, dalle origini all’erezione della Chiesa a sede metropo­litana; il secondo, dall’erezione ad Arcivescovado allo scisma di Avignone; il terzo è costituito dal tempo dello scisma; il quarto, infine, va dalla fine dello scisma ai tempi odierni. Per il periodo che va dalle origini alla metà del IV secolo, il Liber Pontificalis registra dieci nomi: Aspren(as), Epitimius, Maro, Probus, Paulus, Agrippinus, Eustathius, Ephebus, Fortunatus e Maximus. In que­sto periodo Napoli non ha martiri indigeni, però si diffonde il culto per il Vescovo beneventano Gennaro, martirizzato a Pozzuoli († 305). Tra il IV e il V secolo, poi, fiorisce a Napoli la vita religiosa: il Vesco­vo Severo (363-409) eresse un monastero intitolato a San Potito, martire dell’Apulia, e un altro a San Martino, mentre un altro dei primi mona­steri fu eretto da Gaudioso, Vescovo africano di Abitine e profugo della persecuzione vandalica. Questi cenobi, insieme a numerosi altri anche di origine greca, vengono menzionati da Papa Gregorio Magno.

napoli1

napoli2